S.O.S. Siamo Orobici Svalvolati

Motociclisti e motocicliste con tanta voglia di incontrarsi, conoscersi e divertirsi in assoluta libertà, uniti da un'unica passione LA MOTO! Se anche tu sei uno SVALVOLATO come noi unisciti al gruppo e vieni a trovarci
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista utentiLista utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti
» 08 Maggio - Balcone d'Italia e Orrido di Bellano
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyLun Mag 02, 2016 5:04 pm Da virgi

» Le Dolomiti
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyMer Apr 27, 2016 5:31 pm Da virgi

» MAGLIETTE 2016
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyMer Apr 27, 2016 12:26 pm Da smonter

» Ritrovo Settimanale - Venerdì 29 Aprile
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyMer Apr 27, 2016 12:17 pm Da smonter

» Ritrovo Settimanale - Venerdì 15 Aprile
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyGio Apr 14, 2016 6:11 pm Da virgi

» 09 Aprile Auguri a:
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyGio Apr 09, 2015 12:58 pm Da Sos Orobici Svalvolati

» La manutenzione della moto
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyGio Apr 02, 2015 8:10 am Da Sos Orobici Svalvolati

» Yamaha Open Weekend: il 28 e 29 marzo
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyLun Mar 23, 2015 9:33 am Da Sos Orobici Svalvolati

» Auguri a tutti i papa
Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyGio Mar 19, 2015 9:47 am Da Sos Orobici Svalvolati

Aprile 2019
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930     
CalendarioCalendario
Partner
creare un forum


Condividi
 

 Per una mobilità più rispettosa, prima parte

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sos Orobici Svalvolati
Admin
Admin
Sos Orobici Svalvolati

Messaggi : 390
Data d'iscrizione : 26.01.13
Età : 11

Per una mobilità più rispettosa, prima parte Empty
MessaggioTitolo: Per una mobilità più rispettosa, prima parte   Per una mobilità più rispettosa, prima parte EmptyLun Ago 26, 2013 8:08 am

FONTE: http://www.cim-fema.it/web/

Pochi ma utili consigli di guida per una maggior tutela dei motociclisti partendo da due principali considerazioni: la prima che il 14% di tutti i decessi per incidenti stradali in Europa è rappresentato dai motociclisti, e la seconda che gli automobilisti sono la causa principale di incidenti motociclistici con il coinvolgi- mento di due o più persone!

Nel 2008 la banca dati C.A.R.E. che si occupa di catalogare tutti gli incidenti stradali a livello europeo, ha registrato 5.126 decessi di motociclisti in tutta Europa, pari al 14% circa dei 37.234 decessi complessivi sempre per incidenti stradali in genere.

Si tratta di una percentuale molto alta e preoccupante, considerato che i motociclisti rappresentano solo il 2% di tutti i guidatori.

Per questo motivo nel 2010 è stato elaborato dall'azienda DEKRA (che si occupa di revisioni e controlli tecnici) un Rapporto sulla Sicurezza Stradale dedicato proprio alle moto.

Il rapporto aveva lo scopo di dare nuovi spunti di riflessione e fungere da vademecum per i motociclisti, al fine di poter dare dei validi suggerimenti su come essere più responsabili e poter ridurre sempre più il numero di incidenti con morti e feriti.

Una serie di consigli ed accorgimenti vengono dati anche agli automobilisti e agli altri guidatori perché adottino uno stile di guida più attento e più rispettoso nei confronti degli utenti più deboli della strada e quindi dei motociclisti.

Gli automobilisti sono la causa principale di incidenti motociclistici con il coinvolgimento di due o più persone.

Quasi due terzi degli incidenti in moto, che vedono il coinvolgimento di due o più persone, non sono da imputare al motociclista ma all’automobilista.

Situazioni tipo si hanno soprattutto in fase di svolta quando l’automobilista presta poca attenzione al procedere del motociclista o ne valuta erroneamente la velocità.

La maggior parte di questi incidenti avvengono in prossimità di incroci, nei pressi di strade secondarie o di svincoli o ancora quando un’automobile effettua la retromarcia.

Prendendo in considerazione dei dati rilevati in Germania, nel 2008 il 72% di incidenti con due o più persone sono stati causati dagli automobilisti o hanno riguardato comunque una collisione con autovetture e nel 91% dei casi le vittime di questa tipologia di incidenti riguardava motociclisti e loro passeggeri.

Questo scenario non è molto diverso da quel che succede negli altri Paesi europei e quindi anche in Italia.

Gli automobilisti, dunque, hanno una grande responsabilità nei confronti dei motociclisti ed è per questo motivo che devono prestare attenzione durante la guida e rispettare un po’ di più gli utenti delle due ruote, controllando il corretto posizionamento degli specchietti retrovisori e la visuale che ne deriva e quindi guardarli continuamente durante la guida.

La miglior prevenzione, infatti, passa sempre da una guida più attenta e consapevole, nonché rispettosa di tutti gli altri utenti.

Le situazioni particolarmente rischiose per gli automobilisti che non si accorgono dei motociclisti e che quindi possono essere cause di incidenti pericolosi si hanno quando si percorrono delle curve, quando si vuole svoltare, durante i cambi di corsia o quando si attraversano gli incroci.

In questi casi è necessaria una maggiore attenzione e una maggior prudenza.

L’automobilista deve capire che può esserci molto di più di quello che riesce a vedere con un solo colpo d’occhio, per limitazioni della visuale dovute a fattori diversi, come la presenza nell’autovettura di passeggeri sul sedile anteriore o posteriore, dei poggiatesta o per limiti del telaio dello stesso veicolo.

Quando ci si appresta ad affrontare un sorpasso bisogna fare sempre i conti con la possibilità che ci possa essere una moto in prossimità dell’angolo cieco dell’auto.

Le moto sono spesso nascoste da auto o furgoni. Non bisogna quindi concentrarsi solo su questi, ma accertarsi che non vi siano anche delle moto sulla strada.

Anche quando la strada ci sembra priva di motociclisti, perché nascosti dietro ad altri veicoli o perché nell’angolo cieco, bisogna ricordarsi che il motociclista vede l’automobilista e quindi nelle sue manovre cerca di anticiparne le mosse di guida.

Per questo motivo si devono sempre utilizzare gli indicatori di direzione per informare gli altri conducenti delle proprie intenzioni di manovra.

E poi non bisogna sottovalutare l’accelerazione e la velocità delle moto; quando sta sopraggiungendo una moto l’automobilista deve ponderare bene se ha ancora la possibilità di svoltare o se il tempo per compiere la manovra non è sufficiente per il sopraggiungere ed avvicinarsi di una moto.

In tali circostanze bisogna ricordarsi che una frenata brusca rappresenta un grave pericolo per il motociclista.

Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
Per una mobilità più rispettosa, prima parte
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Spessore manico/grip
» tanta fame
» Cinque alieni sbarcano sul pianeta Padova - prima parte
» footwork, mobilità di gambe...
» prima e seconda di servizio: velocità movimento

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
S.O.S. Siamo Orobici Svalvolati :: QUATTRO CHIACCHERE :: BUONO A SAPERSI-
Vai verso: